a fury tale

di cristiana morganti

Le libere associazioni mentali sulla “rabbia”, emozione esplosiva e tema di partenza per la creazione di questo spettacolo, conducono immediatamente al concetto di confronto/scontro, scintilla di ogni accesso di collera. La rabbia può essere forza vitale che si trasforma in energia creativa, ma anche strumento di distruzione. Si associa comunemente al colore rosso che è simbolo di passione, sessualità e, nella sua accezione degenerativa, di furore. E su una scena completamente bianca ci sono proprio due donne dai capelli rossi, alte, pallide, simili ma diverse.  2016_Wut_0054
ideazione e regia Cristiana Morganti

coreografia Cristiana Morganti

in collaborazione con Anna Wehsarg, Breanna O’Mara, Anna Fingerhuth

interpreti Breanna O’Mara, Anna Fingerhuth

collaborazione artistica Kenji Takagi

disegno luci Jacopo Pantani

editing musiche Bernd Kirchhoefer

Organizzato da:
produzione Il Funaro Pistoia in coproduzione con Festival Aperto / Fondazione I Teatri Reggio Emilia in collaborazione con AMAT&Civitanova Danza per Civitanova Casa della Danza – con il sostegno di Città di Wuppertal e Jackstädt Stiftung, Wuppertal (DE)

 Dopo Moving With Pina (2012) e Jessica And Me (2014), due più che riusciti spettacoli autobiografici, concentrati sul suo rapporto con Pina Bausch e il Tanztheater Wuppertal di cui è ancora interprete-ospite, Cristiana Morganti si è fatta da parte. Scegliendo di non danzare, ha ceduto il passo a due ballerine simili, accomunate dalla pelle eburnea, dallo splendore di una giovinezza longilinea, esaltata contro il fondale niveo e sulla scena nuda, ma anche dalle lunghe e folte chiome fulve. Partita dall’idea di esplorare il sentimento della rabbia nella sua sublimazione in energia positivo/creativa, e dal pensiero di un’identità sdoppiata tra sussurri e grida, messa di continuo allo specchio, la Morganti ha così creato un duetto dal titolo A Fury Tale.L’effetto è perfido, vitale, dirompente, teatralissimo.
tutte le date: