Aldo Miguel Grompone – Curatore, programmatore e produttore; inizia il suo percorso nelle arte performative a 18 anni con il Teatro Due di Parma, dal più umile dei mestieri teatrali: quello del facchino. Poi è assistente di Lele Luzzati e direttore tecnico del Teatro della Tosse di Genova; per poi diventare scenografo e progettare scene al Teatro Comunale di Firenze, al San Carlo di Napoli, ai Cantieri d’Arte di Montepulciano, e altre realtà teatrali europee. Dal 1987 abbandona il palcoscenico, e per sei anni ė Co-direttore della Andrés Neumann International dove lavora vicino a registi come Ingmar Bergman, Andrej Wajda, Pina Bausch, Peter Brook…
Nel 1994 inizia la propria attività nell’ambito della produzione, distribuzione e promozione di opere teatrali, di musica, danza e arte, sia in Italia che all’estero. In questa veste di imprenditore culturale privato, è produttore esecutivo e coproduttore di rilevanti eventi e manifestazioni artistiche. Sono sue produzioni diverse creazioni del regista lituano Eimuntas Nekrosius: La Trilogia di Shakespeare (tra cui Hamletas, produzione realizzata con il Hebbel Theater di Berlino, la Batie di Geneve e Zuercher Theater Spektakel è Premio UBU quale miglior spettacolo straniero della stagione 1998/99). Sempre con Nekrosius è coproduttore dei suoi allestimenti italiani: con il Teatro di Roma produce Ivanov nel 2002; con Emilia Romagna Teatro Anna Karenina nel 2008.
Merita segnalare la collaborazione come Produttore Delegato della creazione di Luca Ronconi Questa sera si recita a soggetto di Luigi Pirandello, coprodotto dal Teatro di Roma, WienerFestwochen e Lisbona Capitale Culturale.
Da tempo s’impegna professionalmente nella promozione e nella distribuzione del teatro italiano all’estero, creando occasioni per le nuove realtà teatrali. Tra i tanti artisti, ha contribuito a far conoscere all’estero il lavoro della Societas Raffaello Sanzio, di Emma Dante e di Pippo Delbono. Molteplici sono le iniziative per la presentazione di teatro internazionale di qualità in Italia e all’estero.
E’ produttore di numerose tournée internazionali di compagnie quali: il Piccolo Teatro di Milano; il Teatro Nazionale di Craiova; il MovingTheatre di Londra; Compagnie Rosas di Bruxelles; Hanna Schygulla; Teatro di Roma e Teatro Stabile di Torino (con quattro produzioni di Luca Ronconi: Affabulazione, Calderon, Aminta e Questa sera si recita a Soggetto); La Cuadra de Sevilla; Fura dels Baus; Deutsches Theater Weimar; Theater Volksbhune e Hebbel Theater di Berlino; Teatridithalia Milano; Giorgio Barberio Corsetti; Centre Choregraphique National d’Orleans e di Montpellier; Theatre de Complicité Londra; Ultima Vez Bruxelles; Swan Lake di Adventures in Motion Pictures; Compagnia Sud Costa Occidentale di Emma Dante; Pippo Delbono; Fondazione Andrei Konchalovsky Mosca; Compagnie Marie Chouinard Canada, Trobleyn di Jan Fabre, Antonio Latella e numerose altre.
Svariate sono le attività volte a finanziare produzioni teatrali: A world without a Visa di e con Vanessa Redgrave, Gli Aghi e l’oppio di Robert Lepage; Questa sera si recita a soggetto per la regia di Luca Ronconi; la creazione di Silviu Purcarete De Sade/a sad story per Bologna Capitale Culturale 2000; In spite of Wishing and wanting coreografia di WimVandekeybus per il Teatro Comunale di Ferrara; varie creazioni di Emma Dante. Promuove e produce in proprio, teatro italiano, con l’allestimento di Novecento di Alessandro Baricco con Arnoldo Foà diretto da Gabriele Vacis.
Dal 1999 si dedica anche alla realizzazione di progetti d’arte contemporanea. Tra cui, un progetto sulla nuova creatività artistica giovanile e la presentazione di diverse mostre a Roma, Città del Messico, a Remscheid, Bologna e Aix en Provence. Da anni intraprende un lavoro di promozione rivolto alla presentazione del lavoro di Jan Fabre, con la produzione dell’importante mostra Passage (Calalogo editato da Aldo Grompone) curata da Mario Codognato, e realizzata a Palermo ai Cantieri alla Zisa con il Comune di Palermo. Di Jan Fabre produce, insieme al Comune di Roma e all’Accademia Belgica, la mostra Umbraculum alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma nel 2001, e la più recente Le Temps Emprunté al Museo Bilotti di Roma.
Inoltre è produttore della prima mostra d’arte di Romeo Castellucci, presentata con il Comune di Palermo all’ex-manicomio della Vignicella nel 2000 (catalogo sempre da lui editato con la presentazione di Francesco Bonami). Per lo stesso artista realizza la mostra-spettacolo al Festival di Romaeuropa 2001.
E’ stato consulente internazionale di CIDIM, ETI, e Romaeuropa Festival per la realizzazione del progetto triennale (1999-2001) Latina finanziato dal Governo Italiano per la promozione e organizzazione delle arti italiane nei paesi del Sudamerica. Collabora con la Città di Buenos Aires, Argentina, per la promozione all’estero del Festival Buenos Aires Tango. Tra le presentazioni realizzate merita segnalare: l’inaugurazione del Festival di Romaeuropa del 2000; la Cité de la Musique e il Theatre National de Chaillot di Parigi nel 2001, 2003, 2006 e 2008; l’Hong Kong Arts Festival del 2007 e i festival dell’Auditorium Parco della Musica di Roma del 2006 e 2008, 2010 e del 2014.
Nel 2010 progetta e cura la realizzazione di una rilevante manifestazione culturale all’estero: con il sostegno dell’ERT e della Regione Emilia Romagna, presenta un focus del teatro italiano in America del Nord con Motus, Teatro delle Albe e Pippo Delbono al Public Theater e al PS122 di New York, e al Harbourfront Center di Toronto, Canada.
Dal 2011 al 2014 è consulente alla programmazione per il Napoli Teatro Festival Italia; dal 2011 è anche consulente per i rapporti internazionali per il Teatro Pubblico Pugliese.
Dal 2011 al 2015 è consulente alla programmazione del Ciclo di Spettacoli Classici al Teatro Olimpico di Vicenza: in questi anni, insieme a Eimuntas Nekrosius e a Emma Dante presenta il lavoro di importanti artisti italiani e internazionali.
Per il Teatro Pubblico Pugliese, lungo la Via Francigena, cura la realizzazione del progetto “Misteri e Fuochi” commissionando a quattro artisti la realizzazione di quattro creazioni inedite sulla tematica del Dolore. Partecipano al programma Angelica Liddell, Shrin Neshat, Tamara Cubas e Armando Punzo.
Nell’ambito di formazione, progetta i laboratori per attori di Nekrosius per il Teatro Pubblico Pugliese, e a Vicenza per Teatro Comunale di Vicenza; nel 2016 dà avvio a un programma di Master Class tenute da Peter Brook, Marie Helene Estienne e Miriam Goldschmit ad Anversa, presso Troubleyn di Jan Fabre, che proseguirà in altre città europee.
Dal 2018 è nuovamente consulente del Napoli Teatro Festival per la programmazione internazionale.
Conosce il lavoro di Alessandro Serra e avvia una proficua collaborazione nella promozione internazionale del Macbettu, che prosegue accompagnando la nuova creazione La Tempesta prodotta dal Teatro Stabile di Torino.
Come produttore, nel 2019 progetta e coproduce la prima regia italiana di Jan Fabre, sul testo dei Giornali Notturni, con la partecipazione di Lino Musella (Premio Ubu al miglior attore) e la collaborazione della Triennale d’Arte di Milano, il Teatro Stabile del Veneto, Marche Teatri, il PTE Piemonte Teatro Europa, il Teatro Metastasio e Lugano in Scena.
Nell 2019 rincontra Alessandro Baricco per produrre la tournee della conferenza-lettura su Carlo Magno in tournee nel Cile, e poi per finanziare e produrre una sua regia teatrale del testo Smith & Wesson  coprodotta con il Theatre de Liege, Scene National de Sete, les Theatres de Marseille, Theatre de Namur e Le Theatre de la Ville de Luxembourg.
Infine nel 2020 coproduce insieme al Piccolo Teatro di Milano e a Timbre4 di Buenos Aires, la creazione di Claudio Tolcachir  con attori italiani “Edificio 3, Storia di un intento assurdo”, programmata a Milano a ottobre del 2021 e in tournee nel 2022/23.
Merita uno spazio molto importante il sodalizio e la collaborazione che da una quindicina d’anni ha con Emma Dante a sostegno del suo lavoro, nella promozione, produzione e distribuzioni di tutti i suoi spettacoli.